lettera-u-v-teschiVedo una città che per fama toccherà le stelle. Così narra la leggenda della principessa Libuše che proclamò questa frase dal castello di Vyšehrad. Profetica fu la fondatrice della dinastia Premyslide; Praga è divenuta infatti la città più visitata dell’Europa occidentale oltre che una tra le più belle. Oltre alla città, Praga possiede il più antico cimitero ebraico del vecchio continente fondato nel lontano 1439. Dal XV secolo d.C. il vecchio cimitero praghese è stato l’unico luogo per la comunità ebraica atto a seppellire i propri defunti e dati gli spazi limitati (ne è stato interdetto l’ampliamento), le tombe si presentano sovrapposte l’una sull’atra. Durante il periodo buio dell’occupazione tedesca a Praga, questo cimitero venne risparmiato dalle forze belliche naziste, in quanto le autorità tedesche decisero di lasciare intatto l’unico luogo a testimonianza di un popolo estinto. Nel vecchio cimitero ebraico la tomba più visitata è quella del rabbino Judah Loew ben Bezalel, vissuto nella metà del 1500; sulla sua lapide i visitatori sono soliti depositare monete o pietre, forti della convinzione che lo stesso Jehuda Löw abbia creato il Golem dal fango argilloso della Moldava. Attualmente nel cimitero ebraico di Praga si contano 12.000 tombe e l’aspetto più curioso è che nel sottosuolo, coperte da 9 strati di terra, pare ce ne siano ancora delle altre più datate. Secondo altre fonti il cimitero ospita le salme di circa 100.000 giudei. Il luogo rimane fascinoso e pieno di memoria cullato all’ombra delle fronde dei suoi alberi che lo proteggeranno per l’eternità.

skull

TOMBA DI KAREL CAPEK

Karel-Capek

Nel vecchio cimitero ebraico di Praga si trova la tomba di Karel Čapek. Karel Čapek nasce a Malé Svatoňovice in Boemia il 9 gennaio 1890 ed è stato un giornalista nell’impero austo-ungarico della Cecoslovacchia. Nel 1920 scrisse un’opera teatrale chiamata R.U.R. (Rossumovi univerzální roboti) insieme al fratello Josefh, la quale divenne il suo scritto più famoso. In questo ultimo, Karel immaginò una società basata su automi meccanici costruiti con diverse parti del corpo umano assemblate tra loro, destinati all’unico utilizzo di eseguire dei lavori pesanti (robota in cecoslovacco significa appunto lavoro pesante). Tali semi automi iniziano però a ribellarsi all’uomo provando ad annientarlo. La narrazione regala comunque un lieto fine, in quanto i robot riescono a scoprire i sentimenti. E’ a Čapek che si deve l’invenzione della parola “ROBOT”

comilplast

GALLERIA IMMAGINI

©Il copyright delle foto presenti nel sito appartiene a Visit Cemetery®. Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale. Grafica, contenuti e layout di tutte le pagine sono di esclusiva proprietà di Visit Cemetery® e dei rispettivi autori †

Personaggi Famosi sepolti nel Vecchio Cimitero Ebraico di Praga:

Avigdor Kara-rabbino (tomba più antica), Franz Kafka-scrittore, David Gans-astronomo, Karel Capec-giornalista

Dove si Trova:

Visualizzazione ingrandita della mappa

banner-mamiva