lettera-u-v-teschi

Visit Cemetery è ancora una volta in Emilia Romagna, a Reggio Emilia per la precisione. La città, ad impronta romana, fondata per mano di Marco Emilio Lepido a cui si deve il nome della stessa regione, può fregiarsi di un passato valoroso. Basti pensare, ad esempio, che proprio nella cittadina di Reggio Emilia fu esposta per la prima volta la bandiera italiana nel lontano 1797. Spinti dalla curiosità per le genti illustri che hanno tracciato una tale storia cittadina non potevamo che recarci presso la loro ultima dimora, il cimitero suburbano cittadino, che come sempre racconta ed è la città. Scopriamo che la città fu una delle prime in Italia ad adempiere all’obbligo di sepoltura fuori dalle mura cittadine, alla luce dell’editto di San Cloud e che la stessa sorge sui resti di un piccolo cimitero esistente dal 1638, usato dai sacerdoti ai tempi della peste. A testimonianza di gusti e tendenze culturali, il cimitero si presenta visivamente modellato da due tocchi; quello più antico e classicheggiante di Domenico Marchelli che progetta arcate e chiesa, confuse e pittoresche al tempo stesso e quello di Prospero Sorgato, eclettico architetto insignito per la ridefinizione del monumentale, compito che porterà a termine egregiamente, riuscendo a restituire all’ingresso dell’edificio una monumentalità per niente scontata.

 GALLERIA IMMAGINI

PERSONAGGI FAMOSI SEPOLTI NEL CIMITERO SUBURBANO DI REGGIO EMILIA

Filippo Re-botanico, Giuseppe Lamberti-segreatrio di Mazzini, Romolo Valli-attore, Maria Melato-attrice di teatro, Prospero Viani-letterato.

©Il copyright delle foto presenti nel sito appartiene a Visit Cemetery®. Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale. Grafica, contenuti e layout di tutte le pagine sono di esclusiva proprietà di Visit Cemetery® e dei rispettivi autori†

DOVE SI TROVA:

banner-mamiva