lettera-i-teschi

Il cimitero di Abney Park di Londra fu fondato agli inizi del XIX secolo come luogo di sepoltura riservato alla comunità londinese al di fuori della Chiesa Anglicana ufficiale. Una società formata da un gruppo di Congregazionalisti, per sopperire al problema di sovaffollamento del cimitero di Bunhill Fields nella City, aprì i suoi undici ettari di terreni “all’inglese” per l’inumazione di cittadini britannici di qualsiasi religione. Nonostante ciò, il cimitero di Abney Park fu fortemente influenzato dagli stessi amministratori congregazionalisti ad assomigliare ad un progetto incominciato dai Padri Pellegrini di Boston nel Massachusetts nel cimitero di Mount Auburn. Un giardino-cimitero non confessionale. Fu scelto dunque un azionista della società proprietaria del cimitero, il vivaista George Loddiges che commerciava piante rare per ornamenti di giardini e palazzi in tutta Europa e persino in Italia, ad ornare il perimetro dello stesso con 2.500 fra alberi e arbusti in ordine alfabetico. Ad oggi il cimitero di Abney Park risulta il giardino botanico più ricco di tutta l’Inghilterra. Risulta quindi un cimitero unico nel genere londinese, in quanto razza, religione e ceto sociale non venne suddiviso con demarcazioni o settori, ma bensì tutti uniti e tutti uguali davanti alla signora Morte all’ombra di uniche piante ed alberi. Appartato rispetto alle strade rumorose e piene di traffico di Londra consumato da un secolo e mezzo di tempo nell’evoluzione del paesaggio di un cimitero, ad Abney Park gli angeli delle tombe, importati dall’Italia, si mescolano agli alberi aggrovigliati e ai rari esemplari botanici, in una atmosfera romanticamente misteriosa. Forse può risultare scioccante, ma in Inghilterra i cimiteri sono luoghi vivi, dove è possibile passeggiare, leggere, studiare, fare foto o persino fare un picnic con gli amici. Il miglior modo per ricordare e non abbandonare.

GALLERIA IMMAGINI

PERSONAGGI FAMOSI SEPOLTI NEL CIMITERO GIARDINO DI ABNEY PARK DI LONDRA

William and Catherine Booth-fondatori dell’organizzazione “Esercito della Salvezza”, Elijah Cadman, John Lawley, William Ridsdel, Frederick Booth-Tucker, George Scott Railton, Theodore Kitching, T.Henry Howard,  William Wilberforce, James Stephen, Thomas Binney, Christopher Newman Hall, Rev. James Sherman, Rev. Dr John Morison, Moses Roper-scrittore,  Olaudah Equiano-ex schiavo, Thomas Caulker-primo colone africano, William Ellis, John Williams, Walter Henry Medhurst, Edward Stallybrass, Sarah Buzacott, Alexander Fletcher-medico, Emily Gosse-evangelista, MP Henry Richard, Rajendra Chandra Chandra-professore del Calcutta Medical College, James Braidwood-pompiere, Edward Calvert-pittore, Isabella Banks-scrittrice di romanzi, George Linnaeus Banks,  Rev William Brock DD, John Hoppus DD, John Harris DD, Robert Halley, James “Bronterre” O’Brien-giornalista, Mary Hays-scrittrice femminista, Tommy Hall-ciclista, Thomas William Robertson, John O’Connor Power,

©Il copyright delle foto presenti nell’articolo appartiene a Pietro-Otello-Romano. Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale. Grafica, contenuti e layout di tutte le pagine sono di esclusiva proprietà di Visit Cemetery® e dei rispettivi autori †

DOVE SI TROVA:

banner-mamiva